shopper bio

Acido polilattico: che cos’è e come utilizzarlo

Il gadget giusto utilizzando i vantaggi del PLA

In un’epoca storica in cui l’attenzione all’ambiente si sta spingendo ai massimi livelli, i nuovi materiali eco-sostenibili cominciano ad assumere un’importanza cruciale.

Non solo per i consumatori, ma anche per le aziende costantemente alla ricerca di nuove soluzioni per i propri piani di marketing. Ebbene, l’acido polilattico (PLA) si candida come uno dei materiali potenzialmente più importanti, sotto diversi punti di vista questo perché oggi, i gadget promozionali, hanno un fortissimo bisogno di trovare opzioni come questa, per andare incontro ad una duplice esigenza: fare del bene al pianeta, e piacere alle persone.

Ecco perché scopriremo insieme cos’è l’acido polilattico e in che modo può essere utilizzato ai fini della promozione di un marchio.

Cos’è l’acido polilattico

Il PLA altro non è che una bioplastica ad impatto zero sull’ambiente, in quanto viene creata impiegando una sostanza green come il mais.

È importante sottolineare sin da subito che il materiale in questione possiede tutti i migliori pregi, se si parla di rispetto della natura.

In primo luogo è compostabile al 100%, ed è biodegradabile, sebbene debbano sussistere delle specifiche condizioni da rispettare, affinché si avviino i processi di decomposizione. In secondo luogo, per via delle sue caratteristiche, questo materiale si rende perfetto per il packaging alimentare.

Non a caso, si tratta con tutta probabilità della bioplastica più usata a livello industriale, a patto di non utilizzarla per contenere bevande ad alte temperature. L’unico suo difetto, infatti, si trova nella soglia di rammollimento, piuttosto bassa.

Il PLA e la promozione tramite oggetto

Da un lato l’acido polilattico è noto da anni nel campo del confezionamento green, come spiegato poco sopra, ma dall’altro è un materiale considerato innovativo, se ci si sposta nel settore dei gadget aziendali e della promozione tramite oggetto.

Noi di Stegip4 Communication teniamo particolarmente al tema del green applicato agli oggetti promozionali, e usiamo il PLA per produrre diversi prodotti che le aziende possono ordinare per i propri piani di PTO.

E gli esempi in realtà si sprecano, perché sono numerosi i gadget che possono essere realizzati impiegando questo fantastico materiale eco-sostenibile.

Per fare un esempio concreto, le borse shopper per la spesa entrano di diritto nella lista dei prodotti brandizzati più “classici”, se si parla di PLA applicato alla PTO.

Troviamo anche altri oggetti, naturalmente, come nel caso dei portabottiglie in acido polilattico, che vengono utilizzati spesso per il vino. Come puoi vedere, è possibile intuire già parte del potenziale del PLA per l’oggettistica promozionale delle aziende.

Come utilizzare l’acido polilattico?

Le borse shopper fatte di PLA sono di fatto una sorta di passepartout, fanno comodo a chiunque e possono essere regalate ad un target praticamente infinito per diverse motivazioni: tutti noi andiamo a fare la spesa, sono economiche da realizzare e soprattutto sono estremamente pratiche.

Un discorso simile può essere fatto per i portabottiglie, ma anche per le penne e per altri grandi classici come il portachiavi in PLA.

In conclusione, i vantaggi di questa bioplastica sono evidenti, per le aziende e anche per il pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *