pubblicita gadget

Gadget: Tra Storia, Scienza e Leggenda

Se avete un’azienda che muove i suoi primi passi vi starete chiedendo come far conoscere il vostro lavoro, se invece la vostra azienda, esercizio commerciale o società è già avviata, come espandere la rete di contatti e acquirenti.

Un ottimo modo, economico e virale è quello di ricorrere a gadget promozionali.

gadget-benzinai

Gadget coccinella distribuito dai benzinai negli anni sessanta in regalo al cambio d’olio e portachiavi FIAT distribuito negli anni 60/70

Le storie e leggende che circolano sull’efficacia di questi piccoli oggetti sono molte: dalla miniatura della Statua della Libertà, alla geniale intuizione del re del Ketchup: Heinz.

miniatura-statua-liberta

Miniatura distribuita ai visitatori del monumento nel 1886 e pubblicità digestivo Antonetto. Studio Tesla 1961

Si narra infatti, che nel 1893, l’imprenditore Henry Heinz, si trovasse ad una fiera espositiva per promuovere la sua giovane azienda ma che gli fu assegnato un posto decisamente poco visibile e scomodo da raggiungere per i visitatori.

Heinz però non si scoraggiò, e per attirare clientela al suo stand, fece stampare un migliaio di bigliettini che distribuì in ogni luogo tra i padiglioni, promettendo ai clienti un piccolo regalo se lo avessero raggiunto dove si trovava. L’operazione ebbe successo: moltissime persone accolsero l’invito e i mini cetriolini di gomma promessi in regalo andarono a ruba.

Fare e ricevere doni è una delle pratiche culturali più antiche dell’umanità, e i gadget promozionali, nella storia, hanno dimostrato tutta la loro efficacia per stabilire e mantenere un collegamento diretto cliente/azienda. Vediamo perché:

  • Le persone, pressoché tutte, ricordano quando e dove hanno ricevuto un gadget promozionale.
  • La maggior parte, molto più dell’ 80% dimostra di averlo apprezzato e afferma di essere ben disposto all’entrare in contatto con l’azienda che gliel’ha regalato
  • Oltre la metà delle persone che ha ricevuto gadget promozionali afferma di tenerli con sé per un periodo che va dall’uno ai quattro anni

Questi dati ci vengono forniti dalla PPAI, (Promotional Product Association International) https://www.ppai.org/ associazione punto di riferimento nel mercato dei prodotti promozionali.

Più precisamente dalla campagna “Get in Touch!”

Questa ricerca, che ha coinvolto 1000 soggetti di genere e età differenti, ci dà la cifra di quanto la Promozione Tramite Oggetto (PTO) sia ancora oggi, nell’era del web marketing, la soluzione migliore per farsi conoscere e fidelizzare i clienti.

relativity

Per ricapitolare un gadget promozionale può essere per la Vostra Azienda:

  • Un dono. Le persone lo ricordano maggiormente e con piacere. Sono quindi ben disposte a iniziare o mantenere l’esperienza commerciale con Voi.
    dono-gadget
  • Il miglior mezzo pubblicitario: il nome della Vostra azienda circolerà associato ad un oggetto funzionale e divertente. Sarà perciò visibile potenzialmente in ogni contesto e come abbiamo visto, per un lungo periodo.
    gadget-promozione
  • Un’informazione puntuale: oltre a riportare logo e informazioni utili, l’oggetto stesso racconta al cliente le specificità e i valori della Vostra azienda. Sarà quindi l’oggetto stesso a portare la clientela interessata ai Vostri prodotti.

Nel prossimo articolo vedremo che caratteristiche debba avere un gadget promozionale per essere un prezioso alleato nella promozione della Vostra azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *